Manifesto

In Italian

Last updated on:

UN-aligned

Dichiarazione di missione

Lo scopo di UN-aligned è triplice:

  1. Creare una Nazioni Unite virtuale e alternativa
  2. Creare una piattaforma per la discussione e la diffusione di informazioni
  3. Creare un partito politico internazionale con circoscrizioni mondiali che si adopereranno per la fondazione di un ordine mondiale federale
  4. L’alternativa alle Nazioni Unite

L’umanità si è evoluta da inizi violenti ed egoistici, ma la civiltà ha spesso trasceso la sua eredità crudele e ha compiuto meravigliose conquiste nelle arti, nelle scienze e nell’ordine sociale. Continua a farlo nonostante alcune caratteristiche primitive che deve ancora scuotersi e alcune nuove sfide che non ha avuto la volontà di affrontare adeguatamente. Molti dei mali del mondo sono fatti dall’uomo e innumerevoli individui, senza dubbio, vivono come se fossero violati da queste anomalie primitive, sponsorizzate dallo stato; anomalie che continuano a tormentare la società.

Sebbene potremmo sentirci impotenti di fronte a pratiche radicate nelle attuali strutture della politica internazionale, non c’è nulla che ci impedisca di creare un ordine mondiale virtuale che serva da faro mentre, nello stesso tempo, aggiungendo slancio alla promozione dell’armonia e del benessere. La partecipazione ad UN-aligned contribuirà ad affermare la nostra posizione, e ci darà più coraggio attraverso la cooperazione di persone che la pensano allo stesso modo. Ancora più importante, un tale movimento dovrebbe, con il sostegno dei suoi membri, riversarsi nel mondo reale come una forza per il cambiamento.

Questo è il primo obiettivo di Un-aligned, e ruota intorno a pochi principi di base. Idealmente, questi principi dovrebbero essere le norme che governano le Nazioni Unite (ONU) ma, anche nel secondo decennio del XXI secolo e oltre settanta anni dopo la sua fondazione, l’ONU è ancora gravata da anacronismi che limitano seriamente la sua efficacia. Molto è stato scritto sulle carenze delle Nazioni Unite e queste sono spesso discusse ai Dibattiti Generali, così come in altri assemblee politici, ma troppi dei suoi stati membri sono egocentrici per conseguire progressi costanti e significativi. L’ONU ha contribuito enormemente alla pace e al progresso, nonostante questi limiti, ma UN-aligned spera che possa ottenere risultati ancora più grandi in quanto non è vincolato dalle catene che strangolano L’ONU, come gli interessi complessi e egoistici dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza.

I membri, o gli stati membri (dovrebbe arrivare a questo), dovranno accettare i principii di base e prendere una certa responsabilità per essi. Un-aligned sarà virtuale finché non sarà reale. Non deve includere superpoteri o i loro soldi. Non ci sarà alcun nascondimento dietro i veti, né potranno i regimi dispotici attraversare queste soglie per un’aura di rispettabilità.

UN-aligned non ha bisogno di corteggiare la partecipazione attraverso compromessi dubbi. Non è il numero di persone o stati che renderanno UN-aligned un faro per il cambiamento, ma l’integrità dei suoi ideali e le sue intensioni. Naturalmente, una maggiore quantità di voci sarebbe ascoltata più facilmente, ma ciò sarebbe inutile se ciò che veniva detto era vago, non ispirato o compromesso.

Condizioni per l’adesione

Le condizioni per l’adesione sono elencate nei seguenti articoli che costituiscono le norme etiche di base. Non devono essere violati da voti democratici, referendum e costituzioni nazionali, perché trascendono questi.

  1. Struttura e funzioni

La struttura, che può cambiare in base alle esigenze dell’organizzazione, consisterà in:

  1. Parrocchie situate in tutto il mondo
  2. Un Ufficio Centrale che supervisionerà queste diverse parrocchie.
  1. Parrocchie

Ogni parrocchia sarà responsabile della propria amministrazione in base ai seguenti requisiti:

  1. Capo parrocchiale
  2. Amministratore della parrocchia (facoltativo)
  3. Responsabile dell’informazione parrocchiale (facoltativo)
  4. Membri completi
  5. Un sistema di dati parrocchiali

Le parrocchie sono semplicemente hub di appartenenza. Possono sorgere attorno a diversi punti in comune, come lingua, nazionalità, interessi particolari e reti consolidate. Le parrocchie possono registrarsi presso l’ufficio centrale non appena hanno 20 o più aderenti. Le parrocchie possono essere suddivise in parrocchie più piccole per motivi pratici, quando il numero può giustificarlo, sebbene il coordinatore principale e il responsabile dell’informazione possano essere supportati dalle proprie squadre, se necessario, per far fronte a numeri crescenti.

  • Gerente parrocchiale

Il leader della Parrocchia sarà una persona autoproclamata impegnata a rispettare i principi di UN-aligned. Il loro ruolo sarà amministrare e supervisionare le attività della parrocchia, come la condivisione di informazioni, i forum, i dati e il collegamento con l’ufficio centrale. Generalmente, il leader della parrocchia sarà la persona che fonda la parrocchia particolare. Per convenienza, alle parrocchie dovrebbe essere dato un nome.

  • Membri

I membri a pieno titolo sono quelli che appartengono a una parrocchia come membri primari. Le persone, tuttavia, possono anche unirsi ad altre parrocchie come membri ospiti, ad esempio per ampliare la propria rete di conoscenze o fonti di informazioni. L’iscrizione è fluida e le persone possono ritirarsi e partecipare di nuovo quando lo desiderano, informando l’amministratore. Un membro dovrà iscriversi ai principi dell’ONU e fornire il proprio nome e indirizzo e-mail, nonché, qualora lo desiderino, informazioni su età e nazionalità (per valutare lo stato di potenziali partiti politici).

  • Il sistema di dati della parrocchia

I dati saranno archiviati in modo sicuro e confidenziale, anche se comprenderanno solo le 3-5 informazioni inviate al momento della registrazione: impegno nei confronti dei principi di UN-aligned, nome, email, data di nascita e nazionalità. Queste informazioni saranno trasmesse all’ufficio centrale, in modo da poter calcolare l’appartenenza complessiva, così come l’appartenenza nazionale, dal momento che quando esisteranno abbastanza membri di un particolare paese, i meccanismi per il lancio di un partito politico possono essere attivati secondo le leggi di quel paese. Se un membro desidera lasciare l’organizzazione, i sui dettaglii verranno eliminati immediatamente.

  1. L’ufficio centrale

Il ruolo dell’Ufficio centrale si evolverà con la crescita dell’organizzazione. Inizialmente le sue funzioni saranno tre:

  1. Mantenere e monitorare i registri degli iscritti e le attività delle parrocchie
  2. Promuovere eventi, interazioni e la visione globale di UN-aligned
  3. Rappresentare UN-aligned nei forum ufficiali

L’ufficio sarà composto da due coordinatori che nomineranno un gruppo di supporto che includerà un responsabile dell’informazione e un amministratore. Con la crescita dell’organizzazione, i fondi diventeranno sempre più utili per le sue attività; i tesorieri e le raccolte di fondi, quindi, saranno anche richiesti. Tutta la contabilità sarà trasparente e sarà pubblicata su base mensile.

I primi coordinatori saranno composti dai due membri fondatori, per un periodo di cinque anni, dopodiché saranno sostituiti da coordinatori eletti per un periodo di quattro anni. I coordinatori saranno responsabili della gestione e del supporto del loro team nello svolgimento delle funzioni di cui sopra. I coordinatori dovrebbero solo servire per un periodo. Dopo il loro mandato, automaticamente (se lo desiderano), diventeranno consulenti. I consulenti costituiranno un comitato consultivo che sosterrà i coordinatori incumbent. Questi comitati possono includere esperti che saranno invitati, come e quando necessario, a contribuire a far luce su questioni specifiche.

Coordinatori

I coordinatori sono eletti individui che servono un periodo di quattro anni. Il loro ruolo principale è quello di guidare l’ufficio centrale e sovrintendere alle attività e allo sviluppo dell’organizzazione.

Amministratore

L’amministratore è nominato direttamente dai due coordinatori per un periodo di tempo illimitato. La sua responsabilità principale sarà: L’amministrazione quotidiana dell’ufficio centrale di UN-aligned.

Il responsabile dell’informazione

Il responsabile dell’informazione sarà responsabile per il sito web, il blog o altri media di UN-aligned; così come la propaganda e la diffusione di informazioni, sebbene ogni membro possa scegliere di essere coinvolto in questi compiti. Oltre ai principi di base, le persone avranno opinioni diverse sulle questioni quotidiane e queste non devono essere presentate come la visione dell’intera organizzazione. Il tono delle comunicazioni sarà sempre professionale, accurato e ben educato.

  1. Il partito politico internazionale

I principi del partito saranno gli stessi degli articoli (1-22) con l’ulteriore obiettivo di una partnership federale composta da tutti gli stati. Dettagli e altri ordini del giorno saranno aggiunti in base alle esigenze regionali nello spirito di detti articoli. Una volta che una filiale nazionale ha abbastanza membri e risorse per fare il salto dal mondo virtuale a quello reale, ciò avverrà con il supporto dell’intera organizzazione. Se due o più partiti nazionali vengono eletti al governo, questi possono aderire a un partenariato federale per la durata del loro mandato in conformità con il manifesto allineato alle Nazioni Unite.

Le nazioni che non sono attualmente riconosciute dalle Nazioni Unite, ma che hanno un governo funzionante e un sistema elettorale saranno considerate come indipendenti, ai fini dell’adesione, perché le ambizioni federali di UN-aligned supereranno i sentimenti nazionalisti. Alcuni paesi non applicano sistemi di voto libero ed equo e, quando questo è il caso, devono essere prese considerazioni speciali.

È probabile che ci sarà una minaccia di persecuzione nei confronti dei membri di UN-aligned in determinati momenti e in determinati luoghi, e questi devono essere affrontati come ogni situazione richiederebbe.

Una volta che la visione di una federazione globale inizia a prendere piede nel mondo reale, dovrà essere escogitata una nuova forma di governo per affrontare le mutevoli circostanze di un ordine mondiale unificato basato sul rispetto, il benessere e l’armonia.

Articolo 1: Chiarire e difendere i diritti umani è un dovere fondamentale degli stati e dei cittadini.

Ragionamento

La dignità dell’umanità è legata ai diritti di ogni individuo all’autodeterminazione e non può essere violata dallo stato, dal datore di lavoro o da qualsiasi altro potere dominante. Sebbene siano individuali, i diritti sono interattivi e devono tenere conto dei diritti degli altri; è molto pericoloso, tuttavia, sopprimerli, anche temporaneamente, per ragioni di sicurezza o per altre opportunità. Inoltre, i diritti non sono statici e si sviluppano in linea con il progresso. In primo luogo, rappresentano ciò che è accessibile a un individuo, quando non ostruito. Tuttavia, la società ha aumentato quello che può essere raggiungibile, attraverso il governo, la cooperazione e la tassazione, ad esempio. Pertanto, l’assistenza sanitaria gratuita o l’istruzione, ad esempio, potrebbero essere considerati diritti umani in quei paesi in cui questi potrebbero essere forniti con relativa facilità. Proteggere la precedente categoria di diritti e sviluppare e fornire questi ultimi comporta una spesa. I bilanci nazionali potrebbero non avere le risorse per proteggere e garantire i diritti delle persone oltre i loro confini, o per gli estranei che vi entrano. Ciò crea un’anomalia bizzarra, in cui i diritti umani non sono più diritti umani, ma diritti nazionali. Ciò può comportare una situazione in cui i diritti primari degli individui non sono presi in considerazione per i diritti secondari dei cittadini. Pertanto, le persone potrebbero essere disposte a lasciare morire profughi o migranti, se aiutarli comprometterebbe i loro diritti esclusivi a trasporti pubblici gratis o l’università senza pagamento. Sostenere i diritti umani, quindi, implica riconoscere l’universalità dei diritti primari e lavorare per la standardizzazione transnazionale e la disponibilità di tutti gli altri diritti.

Il partito politico si impegnerà a:

  • monitorare la salvaguardia dei diritti umani, in particolare quelli essenziali come la sicurezza e la salute, nonché quelli che sono stati storicamente soppressi a causa di pregiudizi religiosi o culturali, come quelli relativi alla razza, al genere e all’orientamento sessuale
  • coinvolgere i cittadini nel processo decisionale per quanto riguarda le loro priorità, in modo che le entrate fiscali siano spese in base ai desideri di coloro che contribuiscono a loro. Con la tecnologia ora disponibile, questo non dovrebbe essere difficile
  • lavorare per un’alleanza federale delle nazioni in modo che i diritti umani possano coprire tutta l’umanità e non solo i privilegiati
  • trovare modi per sostenere i diritti umani globali anche quando vincolati dai confini nazionali.

Articolo 2: I confini non dovrebbero privare le persone del diritto alla libera circolazione.

 Ragionamento

Se ingabbiamo il mondo intorno a noi, la verità è che siamo noi che siamo nella gabbia. Attualmente, la maggior parte dei confini del 21 ° secolo sono di questo stampo; sono come barre rigide che mirano principalmente a impedire agli “stranieri” di stabilirsi dove desiderano. Il territorio non è proprietà e le persone dovrebbero quindi essere libere di fluire liberamente. L’Unione europea ha dato il buon esempio riguardo all’abolizione delle frontiere, sebbene lo scenario fosse uno di nazioni abbastanza simili, ricche e pacifiche. I cittadini di paesi che sono più preoccupati, quindi, richiederanno procedure più rigorose, poiché il flusso di persone non sarà sempre reciproco e potrebbe anche consistere in richiedenti asilo e rifugiati che cercano di allagare in paesi più stabili, il che potrebbe causare difficoltà, se non gestito correttamente. Qualunque siano i processi messi in atto, devono sempre riflettere il fatto che la libertà di movimento è un diritto umano.

Il partito politico si impegnerà a:

  • abolendo i confini tra Stati membri allineati alle Nazioni Unite, seguendo un modello simile all’Unione europea, mentre si lavora per migliorarlo
  • negoziare visti turistici e di lavoro reciproci a lungo termine con singoli stati membri di UN-aligned per consentire la libera circolazione in entrambe le direzioni con meno restrizioni
  • assicurare che il personale consolare sia formato e attrezzato per far fronte alle richieste di visto di persone che desiderano emigrare nel loro paese nel modo più rispettoso ed efficiente possibile.

Articolo 3: I governi hanno la responsabilità di sostenere il reinsediamento e, se del caso, il rimpatrio dei rifugiati.

Ragionamento

I paesi non sono prigioni aperte; quindi le persone non dovrebbero essere forzatamente confinate all’interno dei loro confini. I regimi oppressivi, sempre chiusi ai principi internazionali di decenza e cooperazione, sono generalmente da incolpare quando i cittadini desiderano fuggire o abbandonare i loro paesi in massa. Spesso queste persone si trovano in una doppia prigione: con barre all’interno e barre all’esterno. Essendo sfuggiti al primo, non dovrebbero essere impalati da quest’ultimo. Il sostegno dovrebbe essere dato ai rifugiati nei centri il più vicino possibile al loro luogo di origine. Quanto più efficaci saranno questi centri in termini di riallocazione dei rifugiati, tanto più, forse, ogni tipo di migrante cercherà di sfruttare i loro servizi. Quest’ultimi non dovrebbe essere demonizzati per il desiderio di cercare migliori opportunità nei paesi più ricchi, sebbene dovrebbe essere data priorità ai veri rifugiati, alla fuga dal pericolo e alla privazione. Altri migranti dovrebbero quindi cercare assistenza presso le ambasciate nazionali all’interno dei loro paesi, che dovrebbero essere equipaggiati per affrontare tali richieste.

Il partito politico si impegnerà a:

  • lavorare, sia a livello internazionale che bilaterale, per risolvere i problemi responsabili dell’esodo di persone dai loro paesi, siano essi economici, politici o ambientali
  • cooperare a livello internazionale per l’eradicazione delle rotte migratorie sfruttatrici, sostituendole con centri di supporto sicuri e dignitosi il più vicino possibile al luogo d’origine, che contribuirà alla ridistribuzione dei rifugiati in tempi ragionevoli
  • allocare quote e risorse per poter soddisfare le responsabilità della nazione nei confronti dei rifugiati nel modo più equo, più fattibile ed efficace possibile
  • assicurare che i rifugiati autorizzati a entrare nel loro paese siano assistiti per integrare e trovare un impiego significativo in modo che possano essere autosufficienti
  • sostenere le persone a rimpatriare, se lo desiderano, quando le condizioni all’interno del proprio paese sono migliorate
  • legiferare in modo che i rifugiati che infrangono la legge o minano i valori della nazione ospitante saranno rimpatriati il prima possibile.

Articolo 4: Sradicare la promozione della violenza, l’intimidazione e la discriminazione dovrebbe essere una priorità del governo.

Ragionamento

La legislazione contro la discriminazione, l’intimidazione e la violenza può aiutare a combattere questi mali sociali, e molti paesi sviluppati lo fanno; tuttavia, è necessaria anche un’azione positiva per affrontare la causa alla radice di questi problemi, che spesso coinvolgono l’ignoranza e l’avidità che la sfrutta. A volte l’intimidazione è legata a norme religiose che possono minacciare ogni tipo di punizione, inclusa la dannazione eterna, per atti naturali o innocui, come il masturbarsi o il sesso consensuale. I bambini sono particolarmente vulnerabili a questo tipo di molestie, che costituisce una forma di abuso sui minori.

Il partito politico si impegnerà a:

  • assicurare che il crimine di odio sia ben definito, ragionevole e completo
  • promuovere l’armonia sociale attraverso l’educazione, l’arte e le politiche che promuovono la coesione sociale
  • nazionalizzare o regolamentare rigorosamente l’industria degli armamenti al fine di eludere la motivazione che tali industrie potrebbero avere nella diffusione dei conflitti
  • proteggere i bambini dall’intimidazione istituzionalizzata e da tutti i tipi di bullismo.

Articolo 5: La censura non è compatibile con uno stato evoluto, quindi la libertà di parola deve essere rispettata, a condizione che ciò che viene detto, scritto o promulgato non sia progettato per intimidire, diffondere disinformazione o minare le libertà civili.

Ragionamento

Lo stato non ha il diritto di limitare le idee, l’accesso alle informazioni o l’arte, a meno che non violino le leggi relative ai reati di odio. In effetti, lo stato ha il dovere di promuovere tutte le forme di educazione. I giornalisti e gli insegnanti, quindi, non dovrebbero essere solo liberi di svolgere le loro varie attività, ma dovrebbero avere la necessaria protezione per farlo e, se necessario, supportati imparzialmente con le risorse necessarie.

Il partito politico si impegnerà a:

  • sostenere una stampa libera e, per quanto possibile, la sicurezza dei giornalisti di tutto il mondo
  • garantire un curriculum ampio e imparziale nelle scuole statali
  • regolamentare le scuole private e gli istituti scolastici al fine di garantire che laddove questi si dedicano alla propaganda, ciò sia lecito e chiaramente dichiarato.

Articolo 6: La guerra deve essere reato.

Ragionamento

La guerra è un modo inaccettabile per risolvere le differenze o i crimini commessi da un paese contro un altro. Non dovrebbe essere glorificata con epiteti come “giusta” o “santa”; né dovrebbe essere legittimata con convenzioni volte a limitare i danni. Le differenze tra le nazioni devono essere arbitrate in conformità al diritto internazionale, così come il conflitto personale o municipale è ora soggetto alle leggi nazionali. I crimini commessi da una nazione contro un’altra dovrebbero quindi essere trattati da forze dell’ordine o forze dell’ordine internazionali. I combattenti dalla parte dell’aggressore saranno criminali. Ai paesi non è più permesso usare il termine “soldato” o “patriota” per giustificare lo spiegamento di persone per commettere reati. Fino a quando l’ordine internazionale avrà i mezzi per affrontare l’aggressione secondo le leggi stabilite, le nazioni dovranno probabilmente difendersi per quanto è possibile per loro farlo. Questo perpetra lo scenario in cui i paesi competono l’uno contro l’altro per le scorte di armi. È quindi indispensabile che l’ordine internazionale, con una forza in grado di scoraggiare l’aggressione all’interno dei perimetri delle forze dell’ordine, sia istituito quanto prima. Inoltre, poiché non abbiamo garanzie contro attacchi extraterrestri o fenomeni potenzialmente distruttivi, la difesa e la ricerca in queste aree devono essere in corso, sebbene non a scapito di questioni più immediate.

Il partito politico si impegnerà a:

  • aggiornare e perfezionare il patto Kellogg-Briand che rendeva illegale la guerra
  • lavorare per la creazione di una forza di polizia internazionale per proteggere le nazioni da atti ostili provenienti da nazioni aggressive
  • ristrutturazione, ridefinizione e sviluppo della forza di difesa della nazione
  • promuovere, sostenere e sviluppare le funzioni del Tribunale Penale Internazionale

Articolo 7: Mentre i doveri di base possono (e in certi casi, dovrebbero) essere sanciti dalla legge, la legge dovrebbe mirare ad essere il meno invadente possibile.

Ragionamento

Ogni cittadino dovrebbe rispettare la vita, la proprietà, la natura, le transazioni e la cultura dell’area in cui vive o stia visitando (a meno che questa cultura non violi i diritti umani – Articolo 1). Queste responsabilità sono generalmente sancite dalle leggi nazionali. I doveri, tuttavia, non consistono semplicemente nell’astenersi dal fare del male; i governi nazionali hanno la responsabilità collettiva di promuovere l’armonia e il benessere, compresa la protezione della biodiversità e del pianeta, attraverso l’educazione e i canali di informazione pubblica. Le leggi nazionali e internazionali generalmente forniscono già una base per il comportamento sociale, sebbene l’educazione intorno a questi temi sia talvolta limitata o infangata da dottrine, nazionalistiche o religiose, che incoraggiano ugualmente comportamenti violenti nei confronti di altri esseri umani o animali. L’educazione alle questioni etiche, sociali e globali dovrebbe essere fornita secondo le norme universali. Spesso, il dovere più importante di tutti, cioè la responsabilità degli individui di rispettare e coltivare sé stessi, è il problema più grande di tutti, ma molti sarebbero d’accordo sul fatto che non è nelle competenze del governo emanare leggi che costringono gli adulti a prendersi cura di loro stessi. Ciononostante, potrebbero essere imposte tasse sui prodotti o servizi coinvolti (come casinò e droghe) per contrastare i costi per la società quando le ripercussioni di questi fallimenti riguardano altri civili o bilanci nazionali, ad esempio attraverso l’assistenza sanitaria o la polizia.

Il partito politico si impegnerà a:

  • pulire la legislazione da ingerenze governative ingiustificate nelle vite personali dei suoi cittadini, pur mantenendo e sviluppando quelli che veramente proteggono
  • promuovere l’armonia e il benessere, compresa la protezione della biodiversità e del pianeta, attraverso l’educazione e i canali di informazione pubblica
  • ideare e attuare un sistema fiscale equo che non penalizzi i cittadini prudenti con le spese sostenute da coloro che scelgono di vivere pericolosamente.

Articolo 8: La religione non può essere usata per promuovere la violenza, il fanatismo e l’intolleranza.

Ragionamento

Molte religioni si sono sviluppate nel contesto della violenza e dell’intolleranza e la maggior parte non si è liberata del tutto dalle anomalie di questo contesto storico. Troppo spesso i leader religiosi tacciono riguardo alle atrocità o ai pregiudizi commessi in nome della loro religione, ma ancor più sinistro è il fatto che alcuni sostengono effettivamente l’odio e le sue ramificazioni. Promuovere l’ingiustizia verso le persone o gli animali è inaccettabile e i leader religiosi di questo stampo non dovrebbero essere riconosciuti come legittimi rappresentanti religiosi. I leader religiosi hanno il dovere di promuovere l’armonia, se non lo fanno, allora sono falsi e dovrebbero essere trattati secondo le leggi dell’odio, poiché la religione non può essere al di sopra della condotta etica.

Il partito politico si impegnerà a:

  • combattere l’indottrinamento attraverso l’istruzione primaria e secondaria, nonché attraverso adeguati servizi di supporto e informazione
  • mettere in evidenza dottrine o atteggiamenti religiosi che contravvengono diritti umani o animali e garantire che le leggi siano sufficientemente solide per affrontare questi abusi.

Articolo 9: la democrazia non è al di là della giustizia.

Ragionamento

A volte la “democrazia” presuppone che la maggioranza ne sappia di più; o che, anche se così non fosse, ha comunque il diritto di decidere per tutti gli altri. La coltivazione è un compito arduo, quindi la realtà è spesso che è la minoranza che è in una posizione migliore per giudicare. La democrazia può anche essere un ostacolo alla continuità, poiché un governo spesso annulla le decisioni o lo sviluppo del primo. Per salvaguardare la giustizia e lo sviluppo, quindi, è necessario porre delle restrizioni alla democrazia, in modo che i principi di base della libertà, della fraternità e dell’uguaglianza (pari diritti) non siano messi a repentaglio. I principi basilari di governance sono già stati sanciti in molte costituzioni, sebbene spesso queste siano state redatte da un punto di vista limitato e nazionalistico. Idealmente, tutte le nazioni hanno bisogno di rivedere le loro costituzioni o leggi per riflettere una prospettiva più internazionale e inclusiva dei diritti umani che non può essere respinta alle urne.

Il partito politico si impegnerà a:

  • una dichiarazione dei diritti umani, del benessere degli animali e della protezione ambientale che non può essere soppiantata dalle urne
  • processi e politiche che faciliteranno il processo decisionale parlamentare congiunto al fine di rafforzare la prospettiva di una pianificazione a lungo termine
  • promuovere principi democratici sensibili in tutto il mondo.

Articolo 10: I governi hanno il dovere di promuovere l’educazione, la ricerca e le arti.

Ragionamento

L’istruzione è una parte importante del progresso umano e influenza l’auto-sviluppo, il miglioramento economico e la sicurezza globale. Oltre a lavorare per un sistema educativo eccellente, continuo e inclusivo, i governi hanno l’obbligo di fornire un’educazione gratuita e assicurare che le scienze e le arti siano supportate nel loro sviluppo. Con l’avvento dell’era digitale, mezzi e metodi di istruzione potrebbero essere molto più innovativi ed efficaci. È importante che coloro che hanno la responsabilità dell’educazione abbiano la visione di trascendere l’insegnamento tradizionale, in modi sicuri e creativi.

Il partito politico si impegnerà a:

  • riorganizzare con cautela il sistema educativo, per quanto riguarda i metodi, i curricula, i luoghi, le risorse, l’uniformità e gli obiettivi
  • sponsorizzare la ricerca scientifica
  • sostenere le arti e lavorare per rendere le varie forme d’arte più accessibili e sostenibili

Articolo 11: I governi hanno il dovere di promuovere una buona comunicazione.

Ragionamento

La comunicazione è ciò che consente agli individui e alle società di condividere le loro conoscenze e sentimenti e arricchire il loro potenziale. La lingua è una caratteristica importante di questo scambio e gli individui e le nazioni dovrebbero promuovere l’apprendimento di una lingua franca per facilitare le comunicazioni internazionali. L’inglese sembra una scelta ovvia in quanto è già ampiamente parlato come prima o altra lingua.

Il partito politico si impegnerà a:

  • promuovere l’accettazione internazionale di una lingua che verrà insegnata nelle scuole di ogni paese come prima o altra lingua
  • Supporto di un Internet efficiente, gratuito, accessibile e minimamente regolamentato.

Articolo 12: Gli adulti hanno la responsabilità di prendersi cura dei bambini.

Ragionamento

Il modo di allevare i figli sta cambiando e i genitori dello stesso sesso o i genitori single, ad esempio, stanno diventando più diffusi. A volte il cambiamento è causato da pressioni sugli stili di vita tradizionali, ad esempio dall’industrializzazione, come nel caso del popolo Mosuo in Cina. Qualunque sia lo scenario, tuttavia, i bambini devono essere curati riguardo alle loro esigenze fisiche, emotive ed educative. Questa responsabilità inizia prima del parto, non appena la scienza, o la coscienza, riconosce il bambino non nato come individuo. Il governo ha anche la responsabilità per quanto riguarda l’assistenza all’infanzia, in quanto vi sono molti casi in cui genitori o tutori non possono più far fronte o sono incapaci di provvedere alla sicurezza e allo sviluppo del bambino. Inoltre, sebbene gli scienziati possano determinare, al meglio delle loro conoscenze, un punto nello sviluppo di un feto in cui possa essere classificato come un individuo e quindi una persona con diritti che non devono essere uccisi indiscriminatamente, nessuno dovrebbe mai essere obbligato ad avere o eseguire un aborto.

Il partito politico si impegnerà a:

  • perfezionare e rafforzare la legislazione che aiuta i genitori a prendersi cura dei propri figli
  • garantire che le leggi che regolano l’aborto siano giuste e flessibili
  • proteggere i bambini da bullismo, abuso e violenza attraverso la legislazione e meccanismi di supporto che possono essere facilmente accessibili dai bambini
  • ponendo dei limiti alla quantità di compiti a casa e alle ore di studio che i bambini sono costretti a fare
  • divieto di mutilazione genitale di bambini (inclusa la circoncisione), tranne che per ragioni mediche.

Articolo 13: I governi hanno il dovere di garantire il benessere dei propri cittadini e assicurare che i servizi sanitari e l’assistenza sociale sono a disposizione di tutti.

Ragionamento

La salute, la sicurezza e il benessere dei cittadini devono essere la priorità dei governi; devono garantire e mantenere gli standard di servizio ai quali le persone hanno diritto, rispettare i pensionati e sostenere coloro che affrontano difficoltà o non possono lavorare. I governi dovrebbero essere proattivi poiché prevenire è meglio che curare; ad esempio, l’assistenza diurna per alcune persone anziane potrebbe posticipare o prevenire l’assistenza residenziale; ma ancora meglio, il governo potrebbe aiutare le persone a creare le proprie reti sociali, di auto-aiuto e di divertimento.

Il partito politico si impegnerà a:

  • ricercare il modo migliore per sostenere i cittadini e sponsorizzare il progresso scientifico e tecnologico in questi settori
  • collaborare con altri paesi al fine di condividere le competenze e, se conveniente, le risorse
  • garantire assistenza sanitaria e sociale gratuita o accessibile
  • lavorare in modo proattivo per supportare le persone a essere il più indipendenti e autosufficienti possibile
  • promuovere stili di vita sani e, ove necessario, sovvenzionare sport e divertimento
  • assicurare alle comunità l’accesso a parchi, biblioteche, musei, servizi igienici pubblici e servizi necessari
  • assicurare che le leggi sulla salute e sicurezza siano complete, ma ragionevoli e non eccessive.

Articolo 14: Ci sono molte occasioni in cui alcuni individui o gruppi si trovano in difficoltà; è compito di chi è in grado di aiutare, di farlo in modo proattivo e preventivo.

Ragionamento

La società e la natura sono tutt’altro che perfette e molte delle tragedie e dei problemi che le persone affrontano spesso sfuggono al loro controllo. A volte, il suicidio si presenta come l’unica via d’uscita e la forza di questa soluzione proviene da una vergognosa mancanza di meccanismi di supporto. Il suicidio è una delle cause più comuni di morte prematura e si fa troppo poco per affrontare il problema. Collegamenti di natura sia professionale che informale potrebbero fornire una rete che garantisce una certa sicurezza alle persone quando le cose vanno male. In generale, i servizi di supporto, governativi o volontari, sono così limitati nel loro campo di applicazione, da non poter affrontare la vasta gamma di problemi che possono spingere le persone al suicidio. È necessario creare una struttura più flessibile per poter supportare le persone qualunque siano i loro problemi.

Il partito politico si impegnerà a:

  • evidenziando il problema e i meccanismi di supporto disponibili
  • sviluppare una gamma di centri di assistenza specializzati per affrontare i trigger specifici; per esempio, quelli legati all’ambiente di una persona, situazione finanziaria, esperienze traumatiche e benessere fisico ed emotivo
  • occuparsi di problemi sociali che esacerbano il problema, come il bullismo, i pregiudizi e il fanatismo.

Articolo 15: Il sistema penale deve essere riabilitativo e non vendicativo.

Ragionamento

La società si basa sulla fiducia e quando le persone infrangono tale fiducia attraverso il crimine, la fiducia in esse investita dovrà essere opportunamente ridotta per tutto il tempo necessario. Questo può, in circostanze estreme, comportare la detenzione. Ora abbiamo la tecnologia per ridurre certe libertà in modo più economico e umano. Questi dovrebbero essere proporzionali ai rischi connessi, sia per quanto riguarda la portata che la durata, ma dovrebbero anche scoraggiare i potenziali criminali dal cogliere le proprie possibilità su attività illegali. La detenzione è stata inflitta per una serie di motivi, i principali riguardano la punizione, il deterrente e la sicurezza. Nelle società più avanzate, c’è una quarta ragione, che è la riabilitazione. La vendetta fine a sé stessa non ha uno scopo utile, se non che, forse, è gratificante per alcune delle vittime del crimine. In una società civile le vittime dovrebbero essere sostenute con modi più positivi e produttivi.

Il partito politico si impegnerà a:

  • riorganizzare il sistema penale, in modo che:
  1. ai criminali vengono date opportunità di servire le loro comunità, in particolare in quelle aree che hanno violato la legge
  2. I metodi più produttivi rispetto alla carcerazione vengono utilizzati ogni qualvolta sia possibile per scoraggiare le persone dalla recidiva
  3. personale professionale è impiegato e regolarmente formato per riabilitare i trasgressori e aiutarli per tutto il tempo necessario a condurre una vita senza criminalità
  4. le vittime di reato sono compensate, per quanto possibile, dall’autore del reato o con altri mezzi
  • assicurare che il sistema educativo sia preventivo per quanto riguarda i reati, sia per quanto riguarda i curricula scolastici sia per l’identificazione di comportamenti antisociali, in modo che il sostegno possa essere fornito in una fase precoce dello sviluppo del bambino
  • eliminare gradualmente la pratica di citare in giudizio le persone: o le persone infrangono la legge, e allora compensano, oppure no
  • assicurare che le pene stabilite dalla legge scoraggino il crimine in modo equo e creativo
  • stabilire linee guida più chiare per i giudici da seguire in caso di condanna
  • sviluppare una valutazione completa della salute mentale e il sostegno a individui che si trovano di fronte ai sistemi giudiziari e penali.

Articolo 16: I governi e le persone hanno il dovere di proteggere l’ambiente e la biodiversità.

Ragionamento

La terra non appartiene alla specie umana, per usare e abusare per i suoi disegni egoistici, ma anche se lo fosse, non sarebbe nell’interesse dell’umanità esaurire le sue risorse e distruggere l’equilibrio della natura. Molte persone hanno già perso la vita a causa dell’inquinamento e le sue conseguenze, come molti animali e specie. La situazione peggiorerà a meno che non verranno prese misure più stringenti.

Il partito politico si impegnerà a:

  • ridurre la nostra impronta di carbonio attraverso vari mezzi, come ad esempio:
  1. accordi internazionali
  2. l’introduzione di schemi per limitare il bisogno di imballaggio
  3. metodi di riciclaggio migliorati
  4. investimento e ricerca in energia pulita
  5. agricoltura regolamentata
  6. incentivi fiscali
  • adottare tutte le misure necessarie per garantire che vengano introdotte misure correttive per far fronte al danno che è già stato fatte
  • attuare e promuovere la legislazione per proteggere il pianeta da un ulteriore sfruttamento indiscriminato.

Articolo 17: I diritti degli animali devono essere rispettati.

Ragionamento

Essere la specie dominante sulla Terra non ci dà il diritto di sfruttare tutte le altre forme di vita per il cibo, il divertimento o la moda; specialmente ora che abbiamo i mezzi e la comprensione per evitarlo. Il benessere degli animali è strettamente legato al nostro benessere nell’ecosistema. Inoltre, anche se le pratiche dell’industria della carne variano da luogo a luogo per quanto riguarda i livelli di crudeltà, tutte hanno tre cose chiare in comune:

  1. Massacrare e sfruttare gli animali per il nostro piacere
  2. Consumare grandi quantità di risorse per rendimenti molto limitati (rispetto alle abbondanti opzioni vegane o vegetariane)
  3. Contribuire in proporzioni pericolose all’inquinamento del nostro pianeta e alla salute dei suoi cittadini

Ci siamo evoluti attraverso i secoli sul “sangue” degli altri, in particolare su altre forme di vita, e la graduale soppressione di questa dipendenza richiederà tempo, sia per quanto riguarda il cambiamento della nostra mentalità, che generalmente trascura i diritti di altre specie, sia nell’espandere in nuove fonti di nutrimento. Ci vorrà anche del tempo affinché le industrie possano diversificarsi.

Il partito politico si impegnerà a:

  • educare le persone ai diritti degli animali e altre forme di vita
  • sovvenzionare prodotti senza crudeltà
  • sostenere le persone che lavorano nell’industria della carne, nella pesca e in industrie simili a diversificare in alternative senza crudeltà e rispettose dell’ambiente
  • dare la priorità alla protezione delle specie in via di estinzione
  • intensificare le leggi vigenti in materia di crudeltà sugli animali
  • vietare tutti gli sport che calpestano i diritti degli animali
  • proteggere gli habitat naturali degli animali e delle forme di vita marine.

Articolo 18: Individui e governi hanno il dovere di esplorare, svelare, esibire, pubblicizzare e preservare il patrimonio culturale dell’umanità, rispettando allo stesso tempo la sacralità di determinati siti.

Ragionamento

Mentre ogni sforzo dovrebbe essere fatto per esplorare ed esporre il nostro patrimonio culturale, questo non dovrebbe essere fatto a scapito dei valori e delle intenzioni dei nostri antenati. Troppo spesso saccheggiamo tombe e siti che un tempo erano considerati sacri, senza il minimo rispetto o considerazione verso le persone che li hanno creati.

Il partito politico si impegnerà a:

  • esplorare e preservare siti storici
  • lavorare, sia a livello nazionale che internazionale, per la protezione dei luoghi santi delle popolazioni indigene e alla dignità dei resti e dei luoghi di sepoltura delle civiltà passate
  • restituendo, per quanto possibile o pratico, gli articoli rubati ai paesi da cui sono stati rubati.

Articolo 19: L’accumulo di ricchezza deve avere i suoi limiti.

Ragionamento

Le persone avranno sempre più o meno ricchezza in base a una serie di fattori, come buona o cattiva fortuna, abilità, esperienza, priorità o impegno, ma ognuno dovrebbe avere l’opportunità di avere abbastanza e di più. Ciò comporta un uso competente e lo sviluppo di risorse, ma richiede anche dei limiti all’importo che gli individui possono accumulare in casse non immaginative e improduttive. L’oro può essere lavorato in articoli utili o artistici, ma alla fine dei conti, come ci ha insegnato la storia di Mida, l’oro rimane oro e non possiamo mangiarlo, berlo o respirarlo. Il denaro è lo stesso, è utile soprattutto quando è in circolazione, e più vicino alle buone vecchie transazioni del passato: così tante mele per così tante pere. Certo, tutti abbiamo bisogno di soldi per le eventualità, o per progetti futuri, ma miliardi di dollari in conti bancari non si qualificano per questo. In effetti, le banche giocano con gli investimenti che detengono, quindi gli investimenti non sono del tutto inutili, ma a parte i rischi spericolati che a volte prendono i banchieri, i soldi possono essere facilmente investiti in prodotti e cause nefaste. Pertanto, le banche dovrebbero essere nazionalizzate, per garantire che gli investimenti siano utilizzati per scopi etici, ma anche per limitare l’importo che una persona può depositare, che non dovrebbe equivalere più di ciò che possa essere speso ragionevolmente in una vita.

Il partito politico si impegnerà a:

  • lavorare per una più equa distribuzione della ricchezza (i metodi varieranno da paese a paese e coinvolgeranno la distribuzione tra paesi)
  • banche nazionalizzanti
  • limitando la quantità di denaro che la gente può accumulare.

Articolo 20: le risorse nazionali devono tener conto delle esigenze internazionali.

Ragionamento

Sarebbe osceno che mezza nazione vivesse nel lusso, mentre l’altra metà è tormentata dalla povertà e dalla fame. Allo stesso modo, parti del globo non dovrebbero languire in privazione, quando sono disponibili sufficienti risorse per risolvere questo deplorevole stato di cose.

Il partito politico si impegnerà a:

  • assicurare che sia coinvolto e impegnato negli sforzi internazionali per sradicare la povertà, affrontare il cambiamento climatico, sconfiggere il terrorismo, promuovere la giustizia e affrontare altre questioni che richiedono soluzioni globali
  • promuovere la consapevolezza pubblica riguardo alle questioni globali e la responsabilità che individui e governi hanno nel risolverli.

Articolo 21: I governi hanno il dovere di investire nelle infrastrutture della loro nazione.

Ragionamento

Alcuni servizi e progetti relativi all’infrastruttura di un paese possono essere al di là dei mezzi di individui o organizzazioni ordinari e, quando questo è il caso, i governi dovrebbero garantire che siano in atto sistemi per fornire tali servizi, senza escludere necessariamente il settore privato dall’offrire servizi simili.

Il partito politico si impegnerà a:

  • fornire una rete stradale efficiente, completa e ben tenuta
  • fornire un sistema di trasporto pubblico efficiente, completo e ben mantenuto
  • provvedere un servizio postale efficiente e affidabile
  • facilitare i viaggi internazionali, tenendo conto dei fattori ambientali
  • assicurare che i servizi di pubblica utilità essenziali, come acqua, elettricità e energia pulita, siano forniti al costo più basso possibile per il consumatore per livelli ragionevoli di consumo e al costo più equo possibile successivamente.

Articolo 22: Gli scambi commerciali tra nazioni dovrebbero essere promossi e facilitati

Ragionamento

Mentre può essere auspicabile che un paese produca una gamma di beni, in modo che in caso di emergenza possa essere autosufficiente, sostenere i prezzi artificialmente non è il modo migliore per raggiungere questo. Approcci immaginativi che non mettono a repentaglio il libero scambio dovrebbero essere considerati. Allo stesso modo, le tasse di importazione ed esportazione possono aiutare a sostenere l’infrastruttura delle nazioni e i loro obblighi internazionali, ma queste discriminano i beni semplicemente a causa della loro origine e aggiungono un costo artificiale ai prodotti. I beni importati già comportano costi aggiuntivi di trasporto, non dovrebbero essere penalizzati in aggiunta a questo. Tuttavia, i progressi nel libero scambio richiedono accordi internazionali, in quanto un’azione unilaterale a favore di esso, sarebbe propenso a incoraggiare lo sfruttamento per regioni personali o nazionaliste da stati senza scrupolo.

Il partito politico si impegnerà a:

  • promuovere il libero commercio e abolire le leggi protezionistiche, laddove esistono
  • abolire le tasse di importazione ed esportazione attraverso accordi bilaterali e multinazionali

Articolo 23: Le società e le società multinazionali devono essere regolate in modo equo.

Ragionamento

Alle corporazioni viene spesso permesso di farla franca con l’omicidio. Molte leggi consentono loro di saccheggiare e sfruttare, senza nemmeno restituire nulla alle comunità che devastano. Spesso, l’inquinamento che causano, uccide, ma sono felici di prendere in considerazione le multe che deriverebbero, senza considerare il danno fatto. Le industrie farmaceutiche e dei carburanti, ad esempio, sono famose per la distruzione di vite e ambienti. I governi corrotti sono felici di lasciarli e ignorano la difficile situazione delle masse della loro stessa gente. Una legislazione rigorosa deve essere in atto, sia a livello nazionale che internazionale, per proteggere le persone e l’ambiente.

Il partito politico si impegnerà a:

  • Cambiare le leggi nazionali e lavorare per migliorare quelle internazionali, al fine di proteggere le persone, le comunità indigene e l’ambiente da aziende che ignorano le loro responsabilità aziendali e sociali mettendo profitto prima della decenza
  • Garantire che l’autoregolamentazione delle aziende non sostituisca mai il monitoraggio esterno che mira a proteggere in modo completo, informato ed efficace
  • Rendere le persone responsabili dei crimini commessi in nome della loro azienda, o dei crimini commessi da una società in una nebbia di responsabilità velata
  • Legislazione affinché tutte le aziende contribuiscano al benessere delle comunità in cui operano.

Conclusione

Il mondo sta cambiando rapidamente. I progressi della scienza, come i mondi virtuali, i farmaci miracolosi e l’intelligenza artificiale possono alterare la vera struttura della nostra esistenza. Questi articoli saranno quindi soggetti a cambiamenti e sviluppi. Lo spirito di Un-aligned, tuttavia, rimarrà lo stesso; si basa sui principi fondamentali di un’umanità condivisa e un pianeta condiviso che richiedono rispetto, cooperazione e libertà dal fanatismo.

The spirit of UN-aligned is based on the core principles of a shared humanity and a shared planet that requires respect, cooperation and freedom from bigotry.

GET THE LATEST FROM UN-ALIGNED

We’ll email you about events and new articles. Find out more about how we use your information.